SORVEGLIANZA

DESIGN E EVOLUZIONE

Design della tavola da surf

Il design delle tavole da surf ha una storia molto lunga e interessante. Per secoli le tavole da surf sono state realizzate in legno o corteccia d’albero e potevano pesare fino a 50 chili e misurare fino a 5 metri. Solo negli anni ’30 le tavole da surf divennero più leggere e maneggevoli, consentendo un’adozione più ampia del surf e rendendolo più popolare e accessibile.

Evoluzione delle tavole da surf

Un altro passo importante nell’evoluzione del design delle tavole da surf fu l’invenzione delle pinne. Le pinne sono state installate per la prima volta sulle tavole da surf negli anni ’30, consentendo un migliore controllo e la creazione di nuove manovre. Più tardi, negli anni ’50, l’uso di nuovi materiali ha contribuito a rendere il surf ancora più popolare.

Dopo trent’anni, la tecnologia delle tavole da surf si è evoluta e le tavole sono diventate più leggere, più resistenti e più accessibili. Si sono fatti strada nuovi disegni inediti introdotti dai modellatori. Infine, la tavola da surf stessa iniziò a essere considerata un oggetto d’arte.

Foto: I bagnini di Santa Monica, il leggendario Pete Peterson all’estrema destra.(Fonte: https://www.surfline.com)

Modellare le tavole da surf

Così, dai 52 chili della tavola da surf di Duke, siamo passati a una tavola da surf che ora peserà solo 3 chili – abbastanza lontana dal tronco d’albero tagliato. Gli shaper hanno cercato a lungo di trovare il design ottimale della tavola da surf, in base ai diversi tipi di onde. La modellazione delle tavole da surf è diventata un’arte a sé stante.

Dimensioni e forme diverse, anche se leggermente modificate, possono portare a risultati radicalmente diversi. Le tavole da surf sono realizzate su misura per adattarsi alle diverse preferenze, abilità, condizioni e stili.

Caratteristiche di base di una tavola da surf

È la distanza tra un binario e l’altro. Inoltre, influisce sulla velocità di pagaiata e sulla stabilità della tavola da surf. Inoltre, ha un impatto sulla capacità di sterzata. Ecco perché nel surf si parla di larghezza, lunghezza e spessore separatamente. Nel windsurf, solo il volume della tavola è la misura principale, solitamente espressa in litri.

Lunghezza della tavola da surf

È la distanza tra il naso e la coda, dalla coda al naso. Ha un effetto drammatico sulle prestazioni di una tavola, influisce sulla velocità di pagaiata, sulla velocità di guida e sulla stabilità, quindi è necessario essere ben informati.

Le tavole da surf spesse sono ideali per principianti e intermedi. Lo spessore aiuta i surfisti di tutti i livelli a “galleggiare” sulle onde basse. Con una tavola da surf spessa, è possibile mantenere la velocità anche se si è lontani dalla “tasca” (la regione ripida dove l’onda genera velocità). Lo spessore può influire sulle prestazioni dei surfisti più esperti, poiché limita la manovrabilità della tavola. Più la tavola è sottile, più è facile scavare le rotaie nell’acqua.

Il contorno, o sagoma, di una tavola, cioè quanto una tavola sia o meno curvilinea. Queste curve sono realizzate in base alla lunghezza della tavola. Più la tavola è curva, più è facile da manovrare, ma se è troppo curva e arrotondata, non avrà direzione.

Questa è la parte posteriore della scheda. Esistono molte varietà, forme e larghezze.

Forniscono principalmente la capacità di rotazione, la velocità e la stabilità. Esistono molte varietà di forme e larghezze diverse. Le pinne danno la direzione alla tavola, la fanno aderire al fronte aperto dell’onda.

La forma del naso può essere appuntita o arrotondata e influisce sull’ingresso dell’onda.

La forma del rail influisce sulla velocità e sulla stabilità della tavola, oltre che sulla capacità di girare.

Il rocker di una tavola da surf

La curva ascendente della coda e del naso. Un maggiore rocker rende la tavola più lenta, ma consente anche di affrontare onde più ripide. In generale, i surfisti più esperti utilizzano tavole con più rocker, mentre i principianti e i medi preferiscono tavole più “piatte” o “dritte”. I rocker aiutano anche i surfisti esperti a eseguire le manovre nelle parti critiche dell’onda, dove l’onda presenta una forte curva.

Tuttavia, su onde potenti e grandi, un rocker ridotto aumenta le possibilità di andare in picchiata. Per concludere, su onde piccole e deboli, preferite una tavola con meno rocker, mentre su onde più grandi e potenti, preferite una tavola con più rocker.

L’elemento determinante per la resistenza di una tavola.

I concaves sono perfetti per i surfisti esperti che cercano velocità e prestazioni. Tuttavia, questo tipo di tavola è ideale solo in presenza di buone condizioni perché i rails mordono bene nell’acqua, consentendo di effettuare una migliore virata di fondo.

In condizioni meno favorevoli(choppy), è più difficile navigare. Una tavola da surf più piatta e non concava è ideale per i principianti perché permette di surfare onde piccole, deboli e mosse mantenendo la velocità.

La piccola fascia di legno incorporata lungo tutta la tavola funge da dorsale. Uno dei componenti principali di una tavola da surf, è essenziale per la solidità della tavola. I modellatori prestano particolare attenzione a questa componente e continuano a innovare per far evolvere questo sport. Le tavole da surf non hanno tutte la stessa incordatura. Alcuni ne hanno diversi, tra cui un longboard, che consente una maggiore rigidità e resistenza della tavola, evitando così che la tavola sia troppo flessibile.
Oggi, alcune tavole da surf realizzate in epossidico e poliuretano non hanno nemmeno più i longheroni. Il design delle tavole da surf continua ad evolversi.

Tipi di tavole da surf

Tipi di tavole da surf

Tutti questi elementi possono essere combinati in modi diversi per creare vari tipi di pannelli; ecco i più comuni:

Malibù o Longboard

  • Discendenti delle prime tavole in legno e della tradizione polinesiana, ideali per catturare tutti i tipi di onde, favoriscono il piacere di scivolare. È più difficile superare la line-up, soprattutto nei giorni di grandi onde, perché non si può fare il“duck dive“. Dovrete imparare la tecnica del turtle roll o “rollover”. Inoltre, grazie alla loro lunghezza e al basso rocker, è più facile immergere il naso quando si“decolla”. La lunghezza di questa tavola è compresa tra 8 e 12 piedi.

Shortboard

  • Questa tavola è più stretta e corta, con un nose affusolato, più leggera e molto più maneggevole. Ideale per i surfisti esperti. Surfare su tavole corte senza avere il livello di esperienza necessario è un errore molto comune che rallenta i progressi di migliaia di surfisti intermedi in tutto il mondo.

Pistola

  • Tavola lunga e sottile, specificamente progettata per il surf su onde grandi. (Jaws, Nazaré, ecc.)

Funboard/Mini-Malibu

  • Queste tavole combinano la potenza di remata delle longboard con una certa manovrabilità delle shortboard. Ideale per imparare e divertirsi lasciando un margine di crescita. Queste tavole da surf sono lunghe circa 6,5-8,5 piedi, con un buon spessore e una buona larghezza.

Pesce

  • Una tavola più arrotondata, corta e larga, è facile da pagaiare e permette di surfare onde morbide mantenendo la manovrabilità e la velocità.

Tipi di code per tavole da surf

Coda di Pinco

Punta nella parte posteriore, che trattiene bene l’onda anche quando forma un vero e proprio muro d’acqua. Il pin tail si trova principalmente sulle tavole da surf di tipo gun, ideali per le onde grandi e potenti che formano i tubi, dove i surfisti non hanno bisogno di molte manovre e virate. Questo tipo di tavola da surf mantiene la direzione su onde potenti e brusche.

Coda di rondine

Una versione più versatile di pin tail e round tail, ideale per onde di medie dimensioni. Offre maggiore stabilità e velocità.

Coda rotonda

Questa tavola ha più volume di una tavola pin-tail, il che significa una tavola più veloce e più facile da girare. Una tavola che segue la curva dell’onda è molto pratica e consente una grande stabilità nelle onde vuote e veloci. La coda rotonda è ideale per le grandi virate e per mantenere la velocità anche sulle onde morbide.

La coda rotonda può aiutarvi a surfare onde più grandi con fiducia senza perdere in manovrabilità. Questa tavola da surf è popolare sulle tavole corte dove la manovrabilità è fondamentale.

Coda di zucca

Una delle forme più versatili e comuni di coda. Gli angoli quadrati consentono di effettuare virate rapide e precise sul fondo dell’onda(Bottom Turn), mentre gli angoli rotondi permettono una buona tenuta sull’onda.

Una tavola molto reattiva che mantiene la velocità nelle onde un po’ più lente. Ideale anche per onde medio/grandi. Molto comune sulle tavole corte.

Coda di rondine

Più largo della maggior parte degli altri tail, permette alla tavola di guadagnare velocità senza sacrificare la trazione sull’onda. Tavola dotata di coda di rondine posteriore, che agisce come due code collegate tra loro, consentendo un migliore controllo e una maggiore stabilità. Pratico nelle onde di piccole e medie dimensioni che consentono di effettuare virate potenti.

Coda di pipistrello

Più rara è un’altra versione del macaone, che consente un punto centrale di contatto con l’acqua.

Coda di diamante

Ora è meno utilizzato da quando la coda di squash è diventata popolare. Questo tipo di tavola da surf offre un’esperienza migliore quando si gira.

Coda quadrata

Ideale nelle sezioni lente di un’onda, perché questo tipo di tavola si libra rapidamente sull’acqua offrendo grande stabilità. Consente anche curve brevi e strette. La tavola si sposa bene con un surf radicale e aggressivo.

Tipi di pinne per tavole da surf

Pinna singola

Anche le pinne hanno subito un’evoluzione. Fu Tom Blake il primo a creare il “Single Fin” nel 1934. Grazie a ciò, siamo riusciti a surfare le onde lateralmente, seguendo la faccia aperta della parete.

La prima pinna da surf era in legno, ricoperta di resina, sottile e spessa. Poi sono arrivate la resina e la fibra di vetro, che hanno reso le pinne delle tavole da surf più resistenti e flessibili.

Tavola da surf a pinna singola – Fonte: Pinterest

Tavola da surf a doppia pinna – (Fonte : Pinterest)

Pinna gemella

Più tardi, negli anni ’50, la“Twin Fin” fu inventata dal leggendario surfista e shaper australiano
Mark Richards
. Ha cambiato completamente il design della classica tavola da surf a forma di pesce, modificando lo stile del surf.

Ha vinto numerose competizioni e quattro titoli mondiali consecutivi grazie al suo nuovo design rivoluzionario.

Pinne per eliche

Nel 1982, Simon Anderson, un giovane surfista noto per le sue onde giganti sulla costa nord di Oahu, si sentì frustrato per non essere in grado di controllare adeguatamente le pinne gemelle di Mark Richards. Decise di creare le tri-pinne o thruster, con tre pinne di uguali dimensioni.

Questa creazione ha superato tutte le altre pinne perché ha permesso una migliore manovrabilità e virate più potenti.

Di conseguenza, il surf è cresciuto enormemente dall’invenzione della pinna thruster. Nello stesso periodo sono apparse anche le pinne quad, che però non hanno avuto lo stesso successo del propulsore.

Propulsore per tavole da surf – (Fonte : https://www.vonweirdos.com)

Setup della tavola da surf Quad – (Fonte: Pinterest)

La configurazione del Quad

La configurazione della configurazione quadrupla prevede quattro alette, due per lato. Il setup quad è spesso utilizzato nelle tavole corte e fornisce maggiore portanza e controllo dell’area vicino ai rail. Ha una manovrabilità più controllata e una tenuta maggiore rispetto a una pinna binata (simile a un propulsore).

Il quad è una versione piuttosto versatile. Il quad può essere utilizzato anche in grandi onde cave o in piccole onde, a seconda del posizionamento del cluster.
Non c’è una pinna centrale, se c’è si chiama bonzer .

Bonzer 5 Pinne

Infine, un po’ più tardi, i fratelli Campbell inventarono il Bonzer a 5 pinne. La crescita nell’uso di queste pinne è piuttosto lenta, tuttavia, grazie a questa innovazione possiamo ora surfare onde più grandi e potenti.

Tavola da surf bonzer 5 pinne – (Fonte: Pinterest)

Se questo articolo vi è piaciuto, consultate le altre pagine per saperne di più sul galateo del surf e sulla scelta della tavola da surf.

Trovate la nostra scuola di surf e il nostro surf camp a Caleta de Famara, Lanzarote, Isole Canarie. Non vediamo l’ora di darvi il benvenuto nella nostra bellissima isola!